LA GESTIONE DELLA RABBIA NEI BAMBINI: COME POSSIAMO AIUTARLI?

condividi su

Share on facebook
Share on twitter
Share on email
Share on whatsapp
Share on telegram

Nel precedente articolo abbiamo parlato di che cosa sia l’emozione di rabbia, da cosa può nascere e quali cambiamenti corporei comporta. Ma come possiamo aiutare i bambini a gestire le manifestazioni di rabbia? Innanzitutto, è fondamentale lasciare che il bambino possa sfogarsi e liberare la tensione emotiva attraverso il corpo; contenere o impedire al bambino di muoversi può avere un effetto controproducente. In una condizione di sicurezza, è bene permettere al proprio figlio di correre, saltare, lanciare a terra un cuscino, ossia compiere movimenti fisici che consentano uno scarico adattivo e funzionale della tensione emotiva interna.

Allo stesso modo coccole e abbracci, un contatto positivo tra il genitore e il suo bambino, favorisce il rilascio di ormoni, come l’ossitocina e la serotonina, che determinano nel bambino sensazioni di conforto e sicurezza, abbassando i livelli di cortisolo (ormone dello stress). Quindi, quando possibile e se il proprio figlio lo consente, è bene tenere a mente che coccole e abbracci accompagnati da parole dolci, hanno un effetto calmante sul bambino. Per quanto spesso possa risultare difficile, è caldamente sconsigliato rispondere alla rabbia con la rabbia, così come alzare la voce o punire il proprio figlio per queste sue manifestazioni emotive.

Tali comportamenti aumentano la produzione di noradrenalina (ormone dello stress) e favoriscono un comportamento oppositivo nel bambino; rinforzano la rabbia e innescano nel bambino meccanismi che amplificano una percezione negativa di sé. Durante le manifestazioni di rabbia, è importante per il bambino avere accanto a sé il proprio genitore, la cui presenza comunica che lo rispetta e comprende il suo stato d’animo, accettando anche quell’emozione così poco piacevole. Quando il proprio figlio si è calmato, è bene parlare di cosa è successo e cosa ha innescato la rabbia, poiché favorisce nei bambini le capacità di ascolto di sé e delle proprie emozioni. La rabbia è un’emozione che va legittimata: i bambini devono capire che l’espressione della rabbia è legittima e che, come tutte le altre emozioni, non deve essere inibita, ma ascoltata e gestita.

Possiamo quindi affermare che il modo in cui i bambini vivono ed esprimono la rabbia è determinato sia dal loro livello di sviluppo sia dai modelli familiari e dalle esperienze passate. Con il crescere i processi mentali del bambino e la sua capacità di valutazione delle varie situazioni cominciano a svolgere un ruolo più rilevante nell’interpretazione e regolazione delle emozioni. Quando si trova in uno stato di eccitazione, come nel caso della rabbia, ne cerca una spiegazione nel suo ambiente immediato, attingendo anche agli eventi passati e ai suoi ricordi emotivi. Nonostante siano largamente inconsci, i collegamenti che il bambino effettua possono ispirare le sue reazioni presenti.

Ad esempio, passate esperienze spiacevoli o incontrollate di sentimenti di rabbia possono accrescere la sua eccitazione fisiologica e intensificandone l’esperienza emotiva. Da qui l’importanza di aiutare i propri figli a gestire e regolare le proprie emozioni, promuovendo la capacità di vivere l’esperienza emotiva come qualcosa che può essere gestito e non come esperienza soverchiante.